Il Maestro

Una storia di emozioni, studio, passione e impegno nella consapevolezza che la musica crea intese ed unisce universi.

Il Maestro Diego Basso, protagonista di importanti progetti nei maggiori teatri italiani e stranieri e in tv nelle principali reti televisive, è soprattutto un direttore di orchestre nazionali e internazionali. il suo genere passa dalle arie d'opera al pop e al rock sinfonico con un approccio alla musica, che, al di là di ogni classificazione, ritiene debba essere capace di abbattere steccati e liberare emozioni.

Un approccio alla musica che trasmette continuità, circolarità, relazione tra mondi diversi. La sua vita e le sue scelte lo dimostrano: da sempre favorisce l’incontro tra universi musicali differenti, dalle orchestre ai grandi artisti, calca i palchi più vari, dai teatri celebri alle piazze fino alla tv, il mezzo di comunicazione popolare per definizione. Si apre a nuove esperienze senza chiudere quelle che per lui continuano a rappresentare l’espressione della sua idea di musica e di direzione, convinto che l’eccellenza sia sempre il risultato di un impegno corale.

Una propensione alla condivisione si ritrova in ognuno dei suoi mondi: essere parte di un’orchestra, essere parte di un coro, essere parte di una accademia. Essere, infine, parte di un’emozione condivisa, che fluisce libera dal palco alla platea e che dalla platea torna ancora più dirompente al palco: Basso è infatti un direttore d’orchestra che non resta di spalle, che cerca e regala sguardi e attenzioni al pubblico, stabilendo con esso un dialogo unico.

Tra i suoi più recenti impegni la direzione di Opera on Ice in onda su Canale 5 il 25 dicembre 2019 dal Foro Italico di Roma con il Coro e l’Orchestra Sinfonietta di Roma e nell’edizione 2018, da Piazza degli Scacchi a Marostica, con campioni di pattinaggio artistico che hanno “danzato” sulle arie d’opera più famose; in palcoscenico i 100 musicisti dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, il Coro Open House e i solisti della Fondazione Pavarotti.

Suggestivo il doppio concerto evento che si è svolto lo scorso 10 agosto 2019 nel Bosco degli Artisti a Falcade e a Treviso al “Teatro Comunale Mario del Monaco” con il concerto “La mia Terra”,  progetto musicale ideato e curato direttamente dal Maestro Basso, come anche l tour con orchestra “Fly me to the moon”“Musica è”, un viaggio di 200 anni tra arie d’opera, musical, jazz e pop nazionali e internazionali. Oltre ai tradizionali appuntamenti con i concerti AVA Live abbiamo avuto modo di apprezzare la conduzione dell’Orchestra in diretta live su RAI 1 da piazzale Kennedy con “Una ballata per Genova”. Tra le grandi produzioni televisive ricordiamo Sanremo Young, in onda in prima serata su Rai 1, dal Teatro Ariston di Sanremo, in qualità di direttore musicale del programma e direttore della Sanremo Young Orchestra, Music su Canale 5 e Viva Mogol! trasmesso su RAI 1.

Oltre ai più importanti teatri nazionali ed internazionali ama portare la grande orchestra e la musica nelle piazze e in luoghi inediti come il Sacrario di Cima Grappa, alle sorgenti del Fiume Sile, a quota 2000 metri nel cuore delle Dolomiti. Lì dove la musica coinvolge e meglio aiuta ad aggregare.

Biografia

Diego Basso nasce nel 1965 a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, in una terra dalla quale storicamente provengono grandi talenti della musica. Studia al Conservatorio di musica “Agostino Steffani” di Castelfranco Veneto - dove oggi insegna Prassi esecutiva della musica d’insieme (pop e rock) - e, nel frattempo, inizia a dirigere il coro della propria parrocchia.

Gli inizi. Negli anni 90 giungono la collaborazione con Paolo Limiti e il grande lancio televisivo: con il presentatore prende parte a più di 900 puntate in onda quotidianamente su Rai 1 e Rai 2, tra cui Ci Vediamo in Tv, Alle Due su Raiuno, Paolo Limiti Show, Domenica In, La Grande Notte, a cui si aggiungono 15 prime serate in diretta su Rai 1, in veste di direttore, autore ed arrangiatore di ensemble vocali.

Basso, per il quale la musica allora era una passione ma non ancora una professione, nel 1997 decide di farsi sovrastare dall’amore per essa mettendo in discussione una vita che pareva già pianificata, comprendendo che la sua vera strada era quella del direttore d’orchestra.

L’accademia, le orchestre e i grandi artisti. Nel 2003 a Castelfranco Veneto (Treviso) dà vita ad Art Voice Academy, nella quale convergono il percorso Children, dedicato ai bambini per introdurli al mondo della musica, e il percorso Young, che si concretizza in un percorso accademico per ragazzi dai 14 anni ed offre la necessaria formazione a chi desidera diventare un professionista in ambito musicale.

Nel 2004 dà vita all’Orchestra Italiana di Musica Leggera, che dal 2007 si chiamerà Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, un progetto che ricalca le orme delle grandi orchestre che fino agli anni Settanta hanno interpretato non solo le colonne sonore cinematografiche, canzoni, spettacoli teatrali e musical, ma anche la colonna sonora della vita di ciascuno di noi. I concerti vengono riproposti dalle principali reti televisive nazionali italiane (Rai, Rai Sat, Sky).

E sempre dal 2004 inizia a lavorare con i principali interpreti della musica pop italiana e internazionale, tra i quali Lucio Dalla, Riccardo Fogli, Mario Biondi, I Pooh, Luca Carboni, Amedeo Minghi, Katia Ricciarelli, Vittorio Matteucci, Red Canzian, Luisa Corna, Arisa, Sananda Maitreya, I Blue, Paolo Belli, Roby Facchinetti e molti altri.

Nel 2010 dirige l’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana nel concerto per la giornata mondiale della SLA “L’Inguaribile Voglia di Vivere” ad Arzignano e Vicenza e nel 2011 per l’evento “Red Canzian & Friends” al Gran Teatro Geox a favore degli alluvionati con numerosi big della musica italiana, come Lucio Dalla, Ron, Enrico Ruggeri, Fiorella Mannoia, Mario Biondi, I Pooh, Ivana Spagna, Malika Ayane e molti altri.

Nel dicembre 2013 idea il Gran Concerto di Natale al Gran Teatro Geox di Padova, dove dirige 70 elementi d’orchestra, un coro di 130 voci, ancora una volta con la presenza di prestigiosi interpreti della musica Italiana. Nel febbraio 2014 dirige l’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, con la partecipazione del compositore Francesco Sartori e del tenore Francesco Grollo, nel grande concerto sulla Portaerei Cavour, a Città del Capo in Sud Africa, all’interno del progetto umanitario della Marina Militare Italiana e della Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

Negli anni a seguire dirige molte altre orchestre italiane come l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, l’OFI Orchestra Filarmonica Italiana, l’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari, l’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte, l’Orchestra Giovanile di Roma, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana e l’Orchestra Sinfonica Siciliana. Ma anche orchestre internazionali come la Guangzhou Symphony Orchestra Cina, per l’Omaggio a Ennio Morricone in occasione del Concerto di Natale nella stagione musicale 2015/2016, e quelle americane, dalla Detroit Symphony Orchestra alle orchestre delle città di Chicago, Boston, New York, Washington.

La collaborazione con Il Volo. A distanza di venticinque anni dalla prima svolta della sua vita, che lo ha portato a mettere in discussione tutto per tentare la carriera musicale, nel 2014 ne segue un’altra: inizia la collaborazione con Il Volo, che dirige prima in alcune date del tour italiano e con l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta a Palazzo Madama, durante il Concerto di Natale al Senato il 21 dicembre 2014 in diretta su Rai 1 e in mondovisione, alla presenza di Giorgio Napolitano e delle più alte cariche dello Stato, e successivamente alcune date del Tour italiano e nordamericano 2015 - 2016, con gran finale il 4 luglio 2016 all’Arena di Verona, dove già il 21 settembre 2015 aveva diretto l’orchestra per il concerto evento dei tre giovani tenori, trasmesso da Rai 1.

Nel maggio 2016 inoltre dirige due importanti concerti di cui è anche direttore artistico: Italian Concert in Kuwait City, progetto artistico sulla romanza italiana, concerto all’interno dei festeggiamenti del Kuwait Capitale della Cultura Islamica 2016 e primo concerto di musica italiana in Kuwait chiuso con un tutto esaurito ed una programmazione sulla TV di Stato, e Seeds of Peace, concerto-evento nell’ambito Festival Biblico, che ha visto la presenza di tre religioni cristiana, ebrea e musulmana sullo stesso palcoscenico per un dialogo di pace, e un tutto esaurito al Teatro Verdi di Padova.

Il grande ritorno in TV. Le collaborazioni con i grandi artisti, la direzione delle orchestre nei palcoscenici nazionali ed internazionali accende l’attenzione su Diego Basso, tanto che arriva un’importante occasione televisiva, la trascrizione e l’arrangiamento di tutti i brani e la direzione dell’orchestra della trasmissione Viva Mogol!, andata in onda su Rai 1 (ottobre 2016).

Il Maestro in questa occasione si confronta e collabora con la comunità della musica italiana praticamente al completo: Eros Ramazzotti, Gianni Morandi, Giuliano Sangiorgi, Riccardo Cocciante e Gianna Nannini, e poi ancora Nina Zilli, Massimo Ranieri, Nek, Franco Battiato, Francesca Michielin, Patty Pravo, Giovanni Caccamo, Ornella Vanoni, Gino Paoli, Mario Lavezzi, Arisa, Loredana Berté, Noemi, Rita Pavone, Simone Cristicchi, Tony Renis, Lola Ponce, Jack Savoretti, Bobby Solo, Francesco Gabbani, Marcella Bella, Gianni Bella, Maurizio Vandelli dell’Equipe 84, Shel Shapiro (Rokes), Luca Barbarossa e Edoardo Bennato.

Dopo due mesi giunge una nuova proposta che riguarda un’altra grande produzione televisiva che chiama lui e l’orchestra che ha selezionato e radunato attorno a sé, composta da eccellenze under 35. Lo ritroviamo così su Canale 5 per le due edizioni di Music in palcoscenico con le  più grandi star di sempre: John Miles, Simon Le Bon, Anastacia, Tony Hadley, Ezio Bosso, Manuel Agnelli, Nek, Fedez e J-Ax, Piero Pelù, Gianna Nannini, Antonello Venditti, Francesco Renga, Noemi, Loredana Berté e nell’edizione di dicembre 2017. Ancora un viaggio nel cuore e tra gli spartiti con l’orchestra e i grandi nomi del panorama musicale nazionale ed internazionale come, Luca Carboni, Checco Zalone, Levante, Riccardo Cocciante, Al Bano, Gianni Morandi a Massimo Ranieri, Edoardo Bennato, Vittorio Grigolo, Marilyn Manson,  David Garrett, Noel Gallagher e Luis Fonsi.

Il Maestro Diego Basso partecipa nella veste di Direttore della Sanremo Young Orchestra, da lui formata selezionando giovani musicisti tra i 19 e i 25 anni da tutta Italia, e nella veste di Direttore musicale alla trasmissione Sanremo Young per le edizioni 2018 e 2019, in onda su Rai 1 dal Teatro Ariston. Esperienza professionale straordinaria che lo vede impegnato anche nella selezione e preparazione dei concorrenti millennials e nella trascrizione e cura dell’arrangiamento di tutti i brani in gara e di quelli cantati dagli ospiti, delle sigle e di tutti gli stacchi orchestrali.
Abbiamo avuto modo di apprezzare anche  la sua conduzione dell’Orchestra in diretta live su Rai 1 da piazzale Kennedy con “Una ballata per Genova” (giugno 2019).

Opera on Ice
Tra i suoi più recenti impegni la direzione di Opera on Ice in onda su Canale 5 il 25 dicembre 2019 al Foro Italico di Roma con il Coro e l’Orchestra Sinfonietta di Roma e nell’edizione 2018, da Piazza degli Scacchi a Marostica, con campioni di pattinaggio artistico che hanno “danzato” sulle arie d’opera più famose; in palcoscenico i 100 musicisti dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, il Coro Open House e i solisti della Fondazione Pavarotti.

Emozione live
Le emozioni live proseguono con i concerti del 2018 e 2019 da palcoscenici altrettanto emozionanti: il Teatro di tradizione della Città di Ferrara e il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone accolgono il Ferrara Christmas Pop Rock e il Concerto per la Vita.

Con il tradizionale concerto “AVA Live” per la prima volta in assoluto, in occasione della chiusura del Centenario della Grande Guerra, coro e orchestra diretti dal Maestro Basso, salgono sul Sacrario di Cima Grappa con il concerto “Imagine 100” e, con il concerto “Emozioni”, alle Sorgenti del Fiume Sile. Sempre per ricongiungersi alla sera in Piazza Duomo a Castelfranco Veneto con un programma musicale pop rock sinfonico.

E’ la suggestiva Piazza degli Scacchi di Marostica ad accogliere il nuovo progetto musicale pop rock sinfonico per Orchestra, di cui è Direttore artistico e Direttore d’Orchestra, ideato per il Marostica Summer Festival: Musica è. Un viaggio di 200 anni tra arie d’opera, musical, jazz e pop.

Tra i suoi nuovi progetti musicali il suggestivo doppio concerto evento che si è svolto lo scorso 10 agosto 2019 a Falcade nel Bosco degli Artisti. Un viaggio musicale iniziato a Treviso al Teatro Comunale di Treviso con orchestra e un giovane coro composto da 50 elementi che si sono esibiti nel concerto “La mia terra” che si è poi svolto per la prima volta in assoluto a 2000 metri nel cuore delle Dolomiti. Recente anche il tour 2019 con orchestra “Fly me to the moon” un progetto musicale che nasce 50 anni dopo una delle imprese più celebri nella storia dell’umanità, lo sbarco sulla Luna del luglio 1969.

Tra le sue passioni la direzione del Coro Stella Alpina di Treviso, una formazione maschile nata dal sodalizio di alcuni amici amanti della montagna e del canto popolare che ancora oggi dirige: con lui il coro raggiunge risultati importanti, oltre 1.000 concerti sia in Italia che all’estero, 7 concorsi nazionali vinti, 5 CD incisi e più di 100 partecipazioni a trasmissioni televisive nazionali (su Rai 1 e Rai 2) e radiofoniche (Radio Vaticana e Radio Colonia D nel 1995).

Le vibrazioni della musica delle orchestre dirette dal Maestro Diego Basso diventano emozioni per tutti. #emozionelive

Premi ricevuti

Ambasciatore della cultura - Città di Castelfranco Veneto, 2016
Onorificenza rotariana Paul Harris Fellow - Rotary Club di Castelfranco – Asolo, 2016

Iscriviti alla newsletter del Maestro Diego Basso